giovedì 31 gennaio 2013

Monti Argentella, Palazzo Borghese e Porche (da Madonna della Cona) E

Traversata dei monti Argentella,Palazzo Borghese e Porche partendo da Forca di Gualdo.

DATA: 3 giugno 2012

PARTENZA: Dal paese di Castelluccio di Norcia (Umbria, provincia di Perugia) sull’Appennino Umbro-Marchigiano si prende la SP 136 in direzione di Visso fino al valico di Forca di Gualdo, parcheggiamo accanto alla cappella di Madonna della Cona (circa 5 km da Castelluccio e 17,5 km da Visso).



Visualizza Monti Argentella, Palazzo Borghese e Porche (da Madonna della Cona) in una mappa di dimensioni maggiori



Stralcio della mappa interattiva openstreetmap tratta dal sito                            http://www.openstreetmap.org


ITINERARIO: Forca di Gualdo q.1496 (Davanti alla cappella di Madonna della Cona sale la stradina per monte della Prata, noi invece iniziamo in discesa con la carrozzabile che gli rimane poco sotto)          Bivio q.1470 (Bivio della carrozzabile, la teniamo dritto a sinistra)         Fonte San Lorenzo q.1402 (Grande fonte abbeveratoio e fine della carrozzabile: a sinistra sale una sterrata, noi dritto per largo sentiero CAI 5 in direzione di un casotto in muratura, in breve sale ripidamente nel bosco)    –     Capanna Ghezzi q.1570 (Usciti dal bosco raggiungiamo a vista il rifugio attraverso la radura, bivio: a destra arriva e termina la forestale di accesso alla Capanna Ghezzi, noi saliamo con il sentiero CAI 202 che inizia sopra l’abbeveratoio asciutto)    –    Colle Albieri q.1768 (Il CAI 202 curva a gomito a destra e prosegue a mezzacosta verso Forca Viola in direzione sud/est, dritto invece inizia il CAI 205 per Palazzo Borghese, non ci sono cartelli)          Forca Viola q.1936 (Largo valico e incrocio di sentieri, cartelli e segni assenti. Andiamo a sinistra, nord, evitiamo il CAI 204 che si mantiene a mezzacosta passando per la Fonte delle Fate e risaliamo il terreno ben scalinato, ma ripido e senza traccia, per portarci sul crinale)           Monte Argentella q.2200 (Omino di sasso sulla vetta senza indicazioni, proseguiamo per crinale in discesa verso la caratteristica sagoma di Palazzo Borghese)    –     Sella q.2020 (Tralasciamo il CAI 204 che a ritroso riporta a Forca Viola e iniziamo a salire verso il passo di Sasso Borghese)    –     Bivio q.2051 (Innesto sul CAI 205, a sinistra scende verso Colle Albieri, noi in salita)             Passo di Sasso Borghese q.2080 (A destra c’è il Sasso Borghese a strapiombo sul Pian delle Cavalle, il CAI 205 prosegue oltre il passo, noi risaliamo a sinistra senza traccia né segni per facili roccette verso Palazzo Borghese)            Palazzo Borghese q.2145 (Omino in sasso sulla vetta senza altre indicazioni, proseguiamo per crinale non segnato in discesa con direzione nord)    –    Incrocio q.2090 (A destra e a mezzacosta il sentiero che aggirava la vetta riporta al Passo di Sasso Borghese, a destra in discesa c’è il CAI 154, noi andiamo dritto per poche decine di metri e tralasciamo il CAI 261 che si stacca a sinistra continuando a mezzacosta e iniziamo a risalire ripidamente aiutati da qualche sbiadito segno azzurro il versante sud di monte Porche)          Monte Porche q.2233 (Omino di sasso sulla cima senza altre indicazioni. A destra, nord-est, inizia il crinale per cima Vallelunga, noi scendiamo senza traccia a nord seguendo una facile dorsale evidenziata da qualche piccolo ometto)          Deviazione q.2124 (Lasciamo la dorsale che continua in discesa a nord verso Vallelunga, andiamo a sinistra senza traccia e a mezzacosta con terreno ripido e ghiaioso, direzione sud-ovest)          Sella q.2079 (E’ attraversata dal sentiero non segnato n°6 o 1, a seconda della mappa adottata, dove a destra conduce a Cima Vallinfante mentre a sinistra verso il Porche. Noi teniamo la direzione ovest su larga dorsale, sotto di noi ci rimane il CAI 261)           CAI 261 q.1992 (Scendiamo dalla dorsale e ci innestiamo sul CAI 261 che prendiamo a destra, sporadici segni CAI)          Fonte della Iumenta q.1800 (Ora il CAI 261 procede per forestale)          Albergo La Baita q.1663 (Arriviamo al piazzale dell’albergo La Baita , ora seguiamo in discesa la strada asfaltata)            Forca di Gualdo q.1496.

DISLIVELLO TOTALE: 1200 m
QUOTA MASSIMA: Monte Porche q.2233
LUNGHEZZA: 20 km
DIFFICOLTA : E

NOTE  :




Sentieri



- Segnatura CAI sporadica a tratti assente.

- La nuova numerazione della sentieristica CAI è stata tratta dalla carta topografica scala 1:25.000 edita da SER.

- Il rifugio Capanna Ghezzi è affidato, dietro prenotazione, ai soli soci C.A.I.




Fonti

- Fonte alla partenza alla Forca di Gualdo.
- Fonte San Lorenzo dove inizia il CAI 5.
- Possibilità di acqua con una deviazione di 15 minuti da Forca Viola: si prende il CAI 204 fino a giungere alla  
  Fonte delle Fate.
- Fonte della Iumenta sul CAI 261.
- Fonte al piazzale dell’albergo La Baita.
                                                                          
TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
Forca di Gualdo
0,00
Bivio q.1470
0,07
Fonte San Lorenzo q.1402
0.42
Capanna Ghezzi
1,06
Colle Albieri q.1768
1,34
Forca Viola q.1936
2,00
Monte Argentella
2,40
Sella q.2020
3,00
Bivio q.2051
3,06
Passo di Sasso Borghese q.2080
3,10
Palazzo Borghese
3,20
Incrocio q.2090
3,30
Monte Porche
3,45
Deviazione q.2124
3,55
Sella q.2079
4,03
CAI 261 q.1992
4,13
Fonte della Iumenta q.1800
4,30
Albergo La Baita
5,02
Forca di Gualdo
5,30





Forca di Gualdo q.1496 (Davanti alla cappella di Madonna della Cona sale la stradina per monte della Prata, noi invece iniziamo in discesa con la carrozzabile che gli rimane poco sotto) 
Forca di Gualdo q.1496
Forca di Gualdo q.1496 
Cappella di Madonna della Cona
Cappella di Madonna della Cona 
Cappella di Madonna della Cona 

Forca di Gualdo q.1496 (iniziamo in discesa con la carrozzabile che gli rimane poco sotto)
Carrozzabile tra Forca di Gualdo e Fonte San Lorenzo
Carrozzabile tra Forca di Gualdo e Fonte San Lorenzo
Fonte San Lorenzo 
Fonte San Lorenzo q.1402 (noi dritto per largo sentiero CAI 5 in direzione di un casotto in muratura, in breve sale ripidamente nel bosco) 
Capanna Ghezzi q.1570 (Usciti dal bosco si raggiunge a vista il rifugio attraverso la radura)

Capanna Ghezzi q.1570 
Capanna Ghezzi q.1570
Capanna Ghezzi q.1570 (abbeveratoio asciutto) 
Capanna Ghezzi q.1570 (saliamo con il sentiero CAI 202 che inizia sopra l’abbeveratoio asciutto)
CAI 202 
Capanna Ghezzi vista dal CAI 202 che sale a Forca Viola.

Capanna Ghezzi vista dal CAI 202 che sale a Forca Viola. 
Sul CAI 202 che sale a Forca Viola.
CAI 202 che sale a Forca Viola (dietro c’è il Colle Albieri)
CAI 202 che sale a Forca Viola 
Arrivo a Forca Viola
La vallata che da Forca Viola scende verso il lago di Pilato.

Forca Viola q.1936 (Largo valico e incrocio di sentieri, cartelli e segni assenti. Andiamo a sinistra, nord, evitiamo il CAI 204 che si mantiene a mezzacosta passando per la Fonte delle Fate e risaliamo il terreno ben scalinato ma ripido e senza traccia, per portarci sul crinale)
Risaliamo il terreno ben scalinato ma ripido e senza traccia per portarci sul crinale. 
Sul crinale che abbiamo raggiunto da Forca Viola, davanti a noi la cima di monte Argentella.
Sul crinale che abbiamo raggiunto da Forca Viola, davanti a noi la cima di monte Argentella.
Sul crinale per monte Argentella.

Arrivo al monte Argentella
Monte Argentella
Discesa da monte Argentella verso Palazzo Borghese
Discesa da monte Argentella verso Palazzo Borghese
Discesa da monte Argentella verso Palazzo Borghese
Sella q.2020 (dietro di noi monte Argentella appena sceso)


Panorama da monte Argentella



Al Passo di Sasso Borghese
(dietro c’è il Sasso Borghese)
Salita dal Passo di Sasso Borghese alla cima di Palazzo Borghese
Palazzo Borghese q.2145
Palazzo Borghese q.2145
(Omino in sasso sulla vetta senza altre indicazioni, proseguiamo per crinale non segnato in discesa con direzione nord) 
Panorama dall’Incrocio q.2090 
Sul monte Porche

Panorama dal monte Porche verso il Vettore
Panorama dal monte Porche verso Cima Vallelunga e la Sibilla 
Monte Porche: noi scendiamo senza traccia a nord seguendo una facile dorsale evidenziata da qualche piccolo ometto.
Deviazione q.2124 (Lasciamo la dorsale che continua in discesa a nord verso Vallelunga, andiamo a sinistra senza traccia e a mezzacosta con terreno ripido e ghiaioso) 
Panorama verso monte Prata

Arrivo alla Fonte della Iumenta
Fonte della Iumenta
Fonte della Iumenta q.1800
(Ora il CAI 261 procede per forestale)    
Il CAI 261 procede per forestale 
La Baita 
Sull’asfaltata che da La Baita scende alla Forca di Gualdo

Nessun commento:

Posta un commento